anestesia e allattamento

Anestesia dal dentista durante l’allattamento: si può fare?

Molte donne si domandano se sia possibile sottoporsi ad anestesia durante l’allattamento: sappiate che è sicura al 100%!

Ogni mamma sa che l’allattamento del proprio bebè è un momento importantissimo e molto delicato, per questo non è raro l’insorgere di dubbi o preoccupazioni riguardo la sicurezza di determinate terapie o procedure mediche, come ad esempio l’anestesia dal dentista.

Niente paura: in questo articolo troverete risposta a tutte le vostre domande!

L’anestesia dal dentista durante l’allattamento

Fino a qualche tempo fa la credenza comune era che per le donne in fase di allattamento fosse sconsigliato svolgere la maggior parte, se non la totalità, delle cure dal dentista.

Il motivo principale è che per svolgere alcune cure odontoiatriche vi è la necessità di utilizzare un anestetico, cosa che si pensava potesse nuocere alla salute dei neonati.

Oggi invece è stato provato scientificamente che la quantità di farmaco assorbita dalla madre nel corso dell’anestesia locale, sufficiente per svolgere le cure dentistiche, non è tale da mettere in pericolo la salute del bambino.

Proprio perchè locale, viene eliminata rapidamente dall’organismo, e la quantità di farmaco che potrebbe passare nel latte materno durante l’allattamento è talmente piccola da essere considerata medicalmente irrilevante.

Allo stesso modo si credeva che anche durante la gravidanza l’anestesia fosse da escludere in qualsiasi caso, al giorno d’oggi però la medicina si è evoluta e tante credenze sono state fortunatamente smentite.

anestesia e allattamento

Anestesia e allattamento, precauzioni utili da sapere

Per le donne in fase di allattamento quindi è consentito svolgere le cure dal dentista necessarie in totale sicurezza.

L’anestesia che si effettua per eseguire le operazioni odontoiatriche è di tipo locale, perciò la quantità di farmaco che potrebbe essere potenzialmente dannosa è estremamente piccola e considerata innocua per il bebè.

Valgono però alcune precauzioni: successivamente all’anestesia infatti, viene riscontrato un piccolo problema: il farmaco anestetico utilizzato potrebbe in alcuni casi alterare il sapore del latte materno rendendolo sgradevole per il neonato e rendere quindi difficile o impossibile l’allattamento.

Per questo motivo viene consigliato alle neo-mamme di “saltare una poppata” e allattare in un momento precedente all’anestesia oppure non prima che siano passate 4 ore dopo il trattamento.

Per risolvere questo inconveniente si può anche usare un pratico tiralatte, conservando il latte materno in frigorifero ed utilizzarlo in un secondo momento.

C:\Users\Ginevra\AppData\Local\Microsoft\Windows\INetCache\Content.Word\pexels-anastasiya-vragova-6662602.jpg

Anestesia e allattamento, ci sono controindicazioni?

Come abbiamo detto al giorno d’oggi vi sono dati scientifici che attestano la sicurezza nell’eseguire l’anestesia locale anche durante il periodo dell’allattamento al seno.

Grazie alla medicina, svolgere trattamenti odontoiatrici come devitalizzazioni o estrazioni del dente, non sarà più un problema per le neo-mamme!

Vi ricordiamo che curare la propria salute dentale è molto importante anche a favore della salute del piccolo, per questo motivo le visite dal dentista non vanno trascurate durante questa fase.

Al contrario, è consigliatissimo programmare dei controlli periodici soprattutto nei periodi di gravidanza e allattamento.

In ogni caso, per ricevere i migliori consigli adatti alla vostra situazione, rivolgetevi sempre e comunque al vostro medico di fiducia. 

Per qualsiasi domanda lascia un commento qui sotto, e non dimenticare di seguirci sui social per rimanere aggiornato sui nuovi articoli!

Condividi:

Twitter
Telegram
WhatsApp
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli sul Mal di Denti

Mal di denti in gravidanza
gravidanza

Mal di denti in gravidanza

Tutto sulle possibili cause del mal di denti in gravidanza, i rischi che può comportare e i rimedi per risolverlo La gravidanza è un momento